Pomona dei frutteti e dei giardini

Dea latina protettrice dei frutti e degli alberi da frutto che nel suo orto crescono rigogliosi, secondo Ovidio Pomona visse sotto il regno di Proca, leggendario re latino figlio di Aventino; era famosa per curare le piante con abilità e premura. Non sono attestate festività dedicate a lei nel calendario, è probabile che il suo culto (come quello della affine Flora) fosse mobile e venisse determinato in rapporto con lo sviluppo delle colture agricole.

Julia Margaret Cameron, Pomona, 1872. Via nga.gov
Juan Van Der Hamen, Pomona und Vertumnus (dettaglio), 1626.
Via Wiki Commons

Non boschi né correnti d’acqua

Campi e frutteti sono il suo elemento; la sua mano non ha mai stretto un’arma ma solo un lungo coltello a lama ricurva che porta sempre con sé per recidere rami, potare, innestare, raccogliere gli abbondanti frutti.

Dell’amore non si cura

Il corrispettivo maschile Pomus (o Pomonus) si trova solo in terra umbra e non compare a Roma insieme a Pomona. Di lei si innamorò, tra gli altri, la divinità profetica Picus, figlio di Saturno e padre di Fauno; augure e mago, Picus (picchio, animale sacro a Marte a cui venivano riconosciute doti chiaroveggenti) aveva le fattezze rudi e lignee delle cortecce degli alberi, talvolta invece quelle armoniose di un giovane con un becco sulla testa. Circe lo trasformò in uccello per punirlo dell’oltraggio di averla rifiutata.

E cosa non fecero i Satiri per averla, Pan, il giovane Sileno e Vertumno, che tutti superò in amore ma non fu per questo più fortunato; lei è ben protetta nel suo giardino e a nessuno è concesso accedervi, solo i rami carichi di frutta le interessano. Egli spesso viene nel suo tempio pieno di grano ed erba profumata, e compare in varie forme: talvolta è un soldato con la spada, tal altra un pescatore con la canna tra le mani, un artigiano, un contadino, e sotto queste fattezze alterate può sperare di ingannare l’impenetrabile recinto, posare il suo sguardo impaziente su di lei e ammirarne in silenzio la bellezza densa e sfuggente.


Francesco Melzi, Pomona e Vertumno, 1517/20. Via Web Gallery of Art

Altri riferimenti: G. Dumézil, La religione romana arcaica, 2001; Ovidio, Metamorfosi, Libro XIV.

Commenti

Leggi anche

Più letti di sempre

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

Nonostante nei libri ebraici canonici si sia cercato di eliminare ogni traccia di politeismo e tutti i documenti sacri pre-biblici siano stati distrutti o andati perduti, la Bibbia conserva tuttora importanti tracce di antichi dèi e dee sotto le sembianze di uomini e donne o esseri extra-umani quali angeli, mostri o demoni: Samael, per citare un esempio celebre, sarebbe storicamente il dio di Samal, piccolo regno hittita-aramaico, che nel mito ebraico acquisisce il titolo di “Satana” (nemico) e “grande accusatore” insieme a un altro angelo caduto, “Lucifero figlio dell’alba”, e al serpente ch…

La maledizione di Artemisia, frammento greco-egizio

Datato attorno la fine del IV sec. aev, è uno dei più antichi testi egiziani scritti in greco e proviene da una comunità della Ionia stabilita a Memphis, nel Basso Egitto: nel 332 Alessandro il Macedone era stato incoronato faraone nel tempio di Ptah, e la cultura greca ormai vi dominava.

Comunità di immigrati tra gli ultimi splendori d’Egitto   Il testo è scritto in greco ma di fatto la lingua è l’egiziano, perché potrebbe essere tradotto quasi parola per parola in demotico. Nell’Egitto ormai disgregato del cosiddetto Tardo Periodo, un arco di tempo che comprende le conquiste persiane e mace…

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Avanzavano lentamente [i fanciulli], e , poiché il fumo che s’innalzava dal rogo formava alti vortici, così, visti da lontano, parevano svanire dentro una nube. Nessuno di loro si muoveva, poiché erano legati ai polsi e alle caviglie; il velo nero che li avvolgeva impediva loro di vedere e alla folla di riconoscerli» (Gustave Flaubert, Salammbô, 1862). Ad uno ad uno, i bambini cadevano tra le braccia della statua raffigurante il terribile dio, nel fuoco.


Tra Israele e Cartagine L’ipotesi che presso i cartaginesi si operasse l’immolazione di bambini in onore del dio Moloch è stata ampiamente …

Ianus Pater il più antico degli dèi

Giano annuncia l’anno nuovo e dà inizio a ogni cosa. Fu considerato dai romani come il custode del mondo, preposto alle porte del cielo, cioè all’oriente e all’occidente, della terra e a tutto quello che ha principio e fine. Era raffigurato con due facce, i suoi attributi erano una chiave nella mano sinistra e un bastone nella destra perché egli era guida di tutte le strade e aveva facoltà di aprire e chiudere ogni porta, così come di dar fine a un periodo di pace e inizio alla guerra. Da lui iniziava l’anno che scorre silenzioso (tacite labentis, Ovidio, Fasti, III, 65) senza che i mortali s…