Ispirami, Melpomene, canti di morte

Orazio dedica alla sua voce liquida l’apertura del Carmen 1.24: (...) Praecipe lugubris
cantus, Melpomene...
Una delle nove Muse, a Melpomene (Μελπομένη) ‘la cantante’ (Esiodo) fu più tardi (e in maniera non del tutto univoca) assegnato il dominio sui canti funebri e sulla tragedia.



Gemma in vetro incastonata in un anello raffigurante Melpomene, fronte e retro, I sec. aev-III sec. ev,
Roma, periodo tardo-repubblicano o imperiale. Via Met Museum

Figlia della Memoria, madre del Canto

«Si chiamanavo le ‘olimpiche ed erano molto vicine al loro padre Zeus. Esiodo stava giusto pascolando le sue greggi sull’Elicona, quando le Muse gli rivolsero la parola, dicendogli che esse sapevano bensì mentire, ma anche rivelare la verità.

Gli porsero un ramo di lauro e lo consacrarono poeta. Egli ci raccontò la genealogia degli dèi» (K. Kerényi, 2002).

«Zeus è sposo di Hera e con lei generò Hebe, Ilithya e Ares, ma ebbe molte donne sia mortali che immortali. Da Themis figlia di Urano ebbe come figlie le Stagioni (le Ore) Pace, Ordine e Giustizia (Eirène, Eunonia, Dike) e le Moire Clotho, Lachesi, e Atropo; con Dione ebbe Afrodite, con Eurynome figlia di Oceano ebbe le Grazie Aglaia, Euphrosyne e Thalia; da Stige (Styx) Persephone e da Mnemosyne ebbe le Muse, prima Calliope, poi Clio, Melpomene, Euterpe, Erato, Tersicore, Urania, Talia, e Polimnia». (Apollodoro, 1.3.1 che evidentemente riporta una versione diversa sulla maternità di Kore/Persephone, che la mitologia più diffusa attribuisce a Demetra).

«Esse (le Muse) allora con immortale canto andarono all’Olimpo, fiere della bella voce, e attorno ai loro inni risuonava la nera terra; un suono amabile si alzava sotto i loro piedi nell’incedere verso il padre che regna in cielo, lui, signore del tuono e della folgore fiammeggiante, che con la forza vinse il padre Crono e tra gli immortali divise equamente ogni cosa e distribuì gli onori. Questo dunque le Muse cantavano, che abitavano le olimpie dimore, le nove figlie generate dal grande Zeus, Clio e Euterpe e Talia e Melpomene, Tersicore e Erato e Polimnia e Urania, e Calliope, la più illustre di tutte» (Esiodo, Teogonia, 68-79, trad. di G. Arrighetti, 1984)

Salve, figlie di Zeus, concedetemi l’amabile canto; celebrate la sacra stirpe degli immortali sempre viventi, che nacquero da Gaia e da Urano stellato, da Notte scura, dal Mare salato» (Esiodo, Teogonia, 104-107, in cit.)

Insieme al dio-fiume Acheloo, Melpomene generò le Sirene Pisinoe, Aglaope, e Thelxiepia, presso la cui isola passò Odisseo dopo aver lasciato Circe (Apollodoro, Epitome, E.7, 18).

Melpomene in Gustave Moreau, Hésiod et la Muse, 1891. Via Wiki commons
Giuseppe Fagnani, Melpomene, 1869, via Wikimedia Commons
Dettaglio da un murale raffigurante Melpomene di Edward Simmons, edificio della
Library of Congress Thomas Jefferson, Washington DC, 1896. Via Wiki commons
Busto in marmo di Melpomene, ca. 1804-1810 (foto 1927),
Musei Vaticani, Roma. Via Thorvaldsens Museum Archives
Frammento di pittura murale raffigurante (probabilmente) Melpomene. Via Hellenismo/Tumblr

Commenti

Leggi anche

Più letti di sempre

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

Nonostante nei libri ebraici canonici si sia cercato di eliminare ogni traccia di politeismo e tutti i documenti sacri pre-biblici siano stati distrutti o andati perduti, la Bibbia conserva tuttora importanti tracce di antichi dèi e dee sotto le sembianze di uomini e donne o esseri extra-umani quali angeli, mostri o demoni: Samael, per citare un esempio celebre, sarebbe storicamente il dio di Samal, piccolo regno hittita-aramaico, che nel mito ebraico acquisisce il titolo di “Satana” (nemico) e “grande accusatore” insieme a un altro angelo caduto, “Lucifero figlio dell’alba”, e al serpente ch…

La maledizione di Artemisia, frammento greco-egizio

Datato attorno la fine del IV sec. aev, è uno dei più antichi testi egiziani scritti in greco e proviene da una comunità della Ionia stabilita a Memphis, nel Basso Egitto: nel 332 Alessandro il Macedone era stato incoronato faraone nel tempio di Ptah, e la cultura greca ormai vi dominava.

Comunità di immigrati tra gli ultimi splendori d’Egitto   Il testo è scritto in greco ma di fatto la lingua è l’egiziano, perché potrebbe essere tradotto quasi parola per parola in demotico. Nell’Egitto ormai disgregato del cosiddetto Tardo Periodo, un arco di tempo che comprende le conquiste persiane e mace…

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Avanzavano lentamente [i fanciulli], e , poiché il fumo che s’innalzava dal rogo formava alti vortici, così, visti da lontano, parevano svanire dentro una nube. Nessuno di loro si muoveva, poiché erano legati ai polsi e alle caviglie; il velo nero che li avvolgeva impediva loro di vedere e alla folla di riconoscerli» (Gustave Flaubert, Salammbô, 1862). Ad uno ad uno, i bambini cadevano tra le braccia della statua raffigurante il terribile dio, nel fuoco.


Tra Israele e Cartagine L’ipotesi che presso i cartaginesi si operasse l’immolazione di bambini in onore del dio Moloch è stata ampiamente …

Ianus Pater il più antico degli dèi

Giano annuncia l’anno nuovo e dà inizio a ogni cosa. Fu considerato dai romani come il custode del mondo, preposto alle porte del cielo, cioè all’oriente e all’occidente, della terra e a tutto quello che ha principio e fine. Era raffigurato con due facce, i suoi attributi erano una chiave nella mano sinistra e un bastone nella destra perché egli era guida di tutte le strade e aveva facoltà di aprire e chiudere ogni porta, così come di dar fine a un periodo di pace e inizio alla guerra. Da lui iniziava l’anno che scorre silenzioso (tacite labentis, Ovidio, Fasti, III, 65) senza che i mortali s…