Le bare in miniatura di Arthur’s Seat

Sono tra gli oggetti più popolari e misteriosi del National Museum of Scotland a Edimburgo, un esempio di macabra abilità artigianale e un autentico rompicapo per gli esperti: giusto in tempo per Halloween.


Erano state riposte in una cavità sulla pendice nord-orientale di una collina di Edimburgo, e trovate nel 1836 da un gruppo di ragazzi a caccia, 17 piccole bare di legno di pino, ciascuna di 23mm di larghezza per 95 di altezza. Ogni bara contiene un simulacro d’uomo, anch’esso di legno, intagliato da mano esperta e decorato con abiti e calzature.

L’ambivalente paradosso dei simboli

Nessuno sa cosa siano, chi le abbia nascoste e perché; si è suggerito si trattasse di incantesimi di morte oppure amuleti per i marinai. Sono due funzioni opposte, l’una che si realizza provocando la morte, l’altra scongiurandola; ma nel ‘mondo magico’ i simboli sono ambigui e possono significare quello che sembrano, ma anche il loro contrario.

Nel primo caso si tratterebbe di ‘feticci’, oggetti nei quali si ritiene di poter convogliare le energie vitali di un individuo per esercitarvi un’azione magica (positiva o negativa, dipende dallo scopo), secondo il principio che il simile produce il simile o che l’effetto assomiglia alla causa (G. Frazer, Il ramo d’oro). Viceversa, si pensi alla simbologia del sangue nelle tradizioni popolari: il sangue che scorre (dalle nostre vene, da una ferita, non quello mestruale) non evoca una minaccia di morte, bensì “garantisce il fluire della vita, il dispiegarsi della nostra esistenza nel susseguirsi dei giorni, sino alla sua conclusione drammatica, nel senso che, in ogni caso, quali che siano le forme che essa può assumere, la morte è sempre drammatica, è sempre ferita, non cicatrizzabile; è sempre incomprensibile scandalo” (L. Lombardi Satriani, De sanguine).

Su questo blog puoi leggere anche: Alcune riflessioni sul magismo moderno.

Commenti

Leggi anche

Più letti di sempre

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

Nonostante nei libri ebraici canonici si sia cercato di eliminare ogni traccia di politeismo e tutti i documenti sacri pre-biblici siano stati distrutti o andati perduti, la Bibbia conserva tuttora importanti tracce di antichi dèi e dee sotto le sembianze di uomini e donne o esseri extra-umani quali angeli, mostri o demoni: Samael, per citare un esempio celebre, sarebbe storicamente il dio di Samal, piccolo regno hittita-aramaico, che nel mito ebraico acquisisce il titolo di “Satana” (nemico) e “grande accusatore” insieme a un altro angelo caduto, “Lucifero figlio dell’alba”, e al serpente ch…

La maledizione di Artemisia, frammento greco-egizio

Datato attorno la fine del IV sec. aev, è uno dei più antichi testi egiziani scritti in greco e proviene da una comunità della Ionia stabilita a Memphis, nel Basso Egitto: nel 332 Alessandro il Macedone era stato incoronato faraone nel tempio di Ptah, e la cultura greca ormai vi dominava.

Comunità di immigrati tra gli ultimi splendori d’Egitto   Il testo è scritto in greco ma di fatto la lingua è l’egiziano, perché potrebbe essere tradotto quasi parola per parola in demotico. Nell’Egitto ormai disgregato del cosiddetto Tardo Periodo, un arco di tempo che comprende le conquiste persiane e mace…

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Avanzavano lentamente [i fanciulli], e , poiché il fumo che s’innalzava dal rogo formava alti vortici, così, visti da lontano, parevano svanire dentro una nube. Nessuno di loro si muoveva, poiché erano legati ai polsi e alle caviglie; il velo nero che li avvolgeva impediva loro di vedere e alla folla di riconoscerli» (Gustave Flaubert, Salammbô, 1862). Ad uno ad uno, i bambini cadevano tra le braccia della statua raffigurante il terribile dio, nel fuoco.


Tra Israele e Cartagine L’ipotesi che presso i cartaginesi si operasse l’immolazione di bambini in onore del dio Moloch è stata ampiamente …

Ianus Pater il più antico degli dèi

Giano annuncia l’anno nuovo e dà inizio a ogni cosa. Fu considerato dai romani come il custode del mondo, preposto alle porte del cielo, cioè all’oriente e all’occidente, della terra e a tutto quello che ha principio e fine. Era raffigurato con due facce, i suoi attributi erano una chiave nella mano sinistra e un bastone nella destra perché egli era guida di tutte le strade e aveva facoltà di aprire e chiudere ogni porta, così come di dar fine a un periodo di pace e inizio alla guerra. Da lui iniziava l’anno che scorre silenzioso (tacite labentis, Ovidio, Fasti, III, 65) senza che i mortali s…