La morte consolante

Devoti a Nuestra Señora de la Santa Muerte: il culto di origine messicana sta conoscendo una crescente diffusione anche nel Vecchio Continente. La venerazione dello scheletro velato è il prodotto originalissimo della fusione tra gli dèi aztechi del Mictlan (mondo dei morti), la venerazione dei santi nella Spagna barocca e la magia africana degli schiavi deportati e penetrata nelle radici del giovane continente. Le prime testimonianze provengono dai registri inquisitoriali del 1700.

Charlie Immer Hagerstown, Santa Muerte,
olio su tavola.

Che piaccia o meno, a lei nessuno sfugge. I suoi simboli sono una falce per mietere le anime, una clessidra che scandisce il passare del tempo, il mondo nella mano a ricordare il suo potere su di lui e una bilancia perché è giusta ed equa. La morte, nella cultura tradizionale messicana, è oggetto di un culto che sta conquistando molti fedeli anche negli Stati Uniti e in Europa, tanto da suscitare l’interesse del mondo accademico e la preoccupazione delle Chiese.

Un sincretismo

La venerazione dello scheletro velato è il prodotto originalissimo della fusione tra gli dèi aztechi del Mictlan (mondo dei morti), la venerazione dei santi nella Spagna barocca e la magia africana degli schiavi deportati e penetrata nelle radici del giovane continente.

Le prime testimonianze provengono dai registri inquisitoriali del 1700; le raffigurazioni spaventose della Spietata Mietitrice erano usate dai missionari spagnoli come strumento di evangelizzazione delle culture indigene, le quali ben presto furono costrette ad acquisire la lingua e i simboli religiosi dei conquistadores pur riuscendo a farvi confluire elementi propri. Ma è solo dal 2001 che il suo culto è uscito dall’ombra ed è divenuto pubblico, conoscendo una fortuna e una diffusione imprevedibili; una commerciante di Città del Messico ha esposto un giorno una statua della Santa a grandezza naturale davanti al proprio negozio e in molti hanno iniziato spontaneamente a lasciare offerte e rivolgerle preghiere, fino a creare un movimento che ha dato origine a diversi templi nel Paese.
La morte consolante

Gradisce ricevere rose e tequila sul suo altare ma non le piace essere esposta alla vista dei curiosi; in cambio della devozione ricevuta può esaudire le richieste che le vengono rivolte - denaro, amore, fortuna e salute perché la salvezza deve realizzarsi soprattutto in questo mondo.

Il fedele può adornarla con vesti e accessori secondo il proprio gusto e fantasia ma sempre in toni allegri e vivaci, come i custumi e gli ornamenti del Día de muertos il 2 novembre: la risposta alla paura della morte è non vederla come una tetra minaccia, ma una preziosa alleata perché nessuno come lei conosce ogni risvolto del quotidiano trascorrere della vita.

Oltre la frontiera


La Santísima conta negli Stati Uniti decine di migliaia di devoti e a Los Angeles le è stato dedicato un tempio. Nonostante il 90% dei fedeli viva nel continente americano, il culto registra seguaci in Spagna, Germania, Danimarca e Inghilterra, mentre il primo convegno accademico dedicato esclusivamente a questo tema si è tenuto all’Università di Groningen, Paesi Bassi, nel 2014. Le Chiese Protestante e Cattolica si sono espresse in toni preoccupati per un culto definito “blasfemo, una degenerazione” dal cardinal Ravasi, presidente del Pontificio consiglio per la cultura, che ne denuncia la diffusione negli ambienti dei narcos messicani; tuttavia, anche la criminalità organizzata di casa nostra usa simboli cattolici per i suoi rituali di affiliazione o per rendere onore ai boss, in circostanze in cui la Chiesa stessa si trova in imbarazzo di fronte all’opinione pubblica.

Imperativo universale

Il mondo moderno si illude di poter ignorare la morte, ma rimane un problema irrisolto che genera inquietudini e che ha bisogno di essere affrontato con maggiore familiarità. Un altro fattore di interesse è che il culto, come molti altri movimenti religiosi tradizionali, prevede un ruolo attivo delle donne, mentre i fedeli spesso ne lamentano la carenza nelle Chiese istituzionali: la morte è donna, accoglie nel suo grembo come una madre che dà la vita.

Commenti

Leggi anche

Più letti di sempre

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

Nonostante nei libri ebraici canonici si sia cercato di eliminare ogni traccia di politeismo e tutti i documenti sacri pre-biblici siano stati distrutti o andati perduti, la Bibbia conserva tuttora importanti tracce di antichi dèi e dee sotto le sembianze di uomini e donne o esseri extra-umani quali angeli, mostri o demoni: Samael, per citare un esempio celebre, sarebbe storicamente il dio di Samal, piccolo regno hittita-aramaico, che nel mito ebraico acquisisce il titolo di “Satana” (nemico) e “grande accusatore” insieme a un altro angelo caduto, “Lucifero figlio dell’alba”, e al serpente ch…

La maledizione di Artemisia, frammento greco-egizio

Datato attorno la fine del IV sec. aev, è uno dei più antichi testi egiziani scritti in greco e proviene da una comunità della Ionia stabilita a Memphis, nel Basso Egitto: nel 332 Alessandro il Macedone era stato incoronato faraone nel tempio di Ptah, e la cultura greca ormai vi dominava.

Comunità di immigrati tra gli ultimi splendori d’Egitto   Il testo è scritto in greco ma di fatto la lingua è l’egiziano, perché potrebbe essere tradotto quasi parola per parola in demotico. Nell’Egitto ormai disgregato del cosiddetto Tardo Periodo, un arco di tempo che comprende le conquiste persiane e mace…

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Avanzavano lentamente [i fanciulli], e , poiché il fumo che s’innalzava dal rogo formava alti vortici, così, visti da lontano, parevano svanire dentro una nube. Nessuno di loro si muoveva, poiché erano legati ai polsi e alle caviglie; il velo nero che li avvolgeva impediva loro di vedere e alla folla di riconoscerli» (Gustave Flaubert, Salammbô, 1862). Ad uno ad uno, i bambini cadevano tra le braccia della statua raffigurante il terribile dio, nel fuoco.


Tra Israele e Cartagine L’ipotesi che presso i cartaginesi si operasse l’immolazione di bambini in onore del dio Moloch è stata ampiamente …

Ianus Pater il più antico degli dèi

Giano annuncia l’anno nuovo e dà inizio a ogni cosa. Fu considerato dai romani come il custode del mondo, preposto alle porte del cielo, cioè all’oriente e all’occidente, della terra e a tutto quello che ha principio e fine. Era raffigurato con due facce, i suoi attributi erano una chiave nella mano sinistra e un bastone nella destra perché egli era guida di tutte le strade e aveva facoltà di aprire e chiudere ogni porta, così come di dar fine a un periodo di pace e inizio alla guerra. Da lui iniziava l’anno che scorre silenzioso (tacite labentis, Ovidio, Fasti, III, 65) senza che i mortali s…