Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2018

Chi osa rifiutare l’amore di una dea?

Immagine
Mai provocare l’ira di una dea. Se poi si tratta di Ishtar e la circostanza è un amore non corrisposto, accompagnato persino dall’offesa e la derisione, sarà capace di far tremare con le sue grida la celeste dimora del padre e scatenare l’inferno sulla terra.

Gilgamesh e Ishtar o il rifiuto oltraggioso La Saga di Gilgamesh nella sua versione “classica”, che la tradizione attribuisce allo scriba Sinleqiunnini, è divisa in 12 tavole – la sensazionale scoperta fu annunciata nel 1872 nel corso dell’Assemblea archeologica biblica di Londra: in una tavola (la dodicesima) era stato identificato un racconto caldeo sul Diluvio – ed è la quarta, in ordine di tempo (rispetto a quella paleobabilonese, mediobabilonese e hittita), a contenere le eroiche vicende del mitico re della I dinastia di Uruk e del suo inseparabile compagno Enkidu, tra l’uccisione di esseri mostruosi e la (vana) ricerca dell’immortalità.

Non è facile stabilire se Gilgamesh, divinizzato “per due terzi” e per un terzo umano,…

Asclepio, genesi e mito: la morte dell’eroe, la nascita del dio (VIII-V secc. aev)

Immagine
Asclepio è il dio del politeismo greco delle guarigioni e delle pratiche mediche; ne abbiamo tracce dall’VIII sec. aev e continuerà a ricevere culti pubblici e privati fino al IV-V sec. ev in luoghi e con contenuti molto diversi. I suoi santuari (tra i più importanti Epidauro, Kos, Atene e Pergamo) erano mete di massicci pellegrinaggi, fungevano da luoghi di cura gestiti da personale specializzato ed erano disseminati in tutto il mondo greco, in Asia Minore e, in seguito, a Roma e nelle province dell’Impero. Egli agiva “dolcemente” manifestandosi durante l’incubazione (incubatio in latino, in greco enkóimesis), che consiste nel dormire in uno spazio sacro (enkoimetérion) e in sogno ricevere la guarigione, una comunicazione o un responso.

Il suo simbolo è un bastone con un serpente attorcigliato; le diffusissime rappresentazioni iconografiche (rilievi, statue) dal IV sec. aev in poi confermano e consolidano il legame con questo animale che «eccita le fantasie, insinua il sospetto di u…

L’alluce del santo e riti di fertilità: Priapo “svelato” in un’antica tradizione molisana

Immagine
Gli antichi dèi possono nascondersi irridenti nelle pieghe più impensate della stratificata e vivace devozione popolare, e un austero monastero di clausura benedettino essere dedicato a un martire al quale fino al Settecento veniva tributato nel Centro-Sud Italia un culto definito “indecente”; e infatti fu sospesa nel 1780 la festa che si celebrava presso Isernia, in Molise, per via della sempre più numerosa folla di devoti ormai ingestibile che si dava appuntamento il 27 settembre per assistere all’esposizione dell’“alluce di san Cosma”, con grande imbarazzo delle autorità cittadine. Una questione pruriginosa, ma non è tutto: il santo ogni anno rinnovava anche il miracolo della fertilità, e in molte, tra «zitelle, maritate, vedove e donne di piacere», dopo la festa tornavano a casa “graziate” da una gravidanza che altrimenti non riuscivano a ottenere.

Una curiosa scoperta A testimoniarlo sono due lettere, veri e propri documenti etnografici, la prima a firma di uno scozzese appassio…

Leggi anche

Più letti della settimana

Estratti di necromanzia pratica

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Vita e gesta del conte di Cagliostro

Tre preghiere romane