Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2018

I cinque fondamenti di Lilith – nella stregoneria contemporanea

Immagine
Regina del Deserto, come evoca uno dei suoi più potenti simboli, Lilith rompe ogni regola, incoraggia il caos e guida i suoi devoti attraverso i più oscuri luoghi dell’anima. Pericolosa e selvaggia, repulsiva e attraente insieme, è divenuta simbolo di resistenza all’autorità patriarcale, di indipendenza e libertà dall’oppressione a ogni costo; ma soprattutto, dalla magia ebraica alle moderne rivisitazioni, Lilith personifica l’intera gamma della sessualità femminile in tutta la sua potenzialità e continua a ispirare generazioni di donne. E non solo, come dimostreranno alcune rivisitazioni recenti. Antichissima e sempre attuale, il suo spirito, ancora oggi, travalica ogni definizione.

Emblema della ribellione e della liberazione sessuale soprattutto a partire dalla “riscoperta” femminista, il potere di Lilith non si esaurisce in questa interpretazione e non ha mai smesso si suscitare l’interesse della neostregoneria proprio per il suo eclettismo; in particolare vengono messe oggi in di…

Gli spiriti Katcinas, secondo gli artisti hopi

Immagine
Gli dei vengono indossando maschere e ornamenti, ciascuno secondo le proprie caratteristiche, accompagnati da numerosi simboli che li rendono immediatamente identificabili. Il calendario di feste e cerimonie è molto fitto ed elaborato e in ogni occasione questi esseri soprannaturali si presentano con i loro attributi. Nel volume da cui sono state tratte le immagini (J. W. Fewkes, Hopi Katcinas drawn by native artists, 21st Annual Report, Bureau of American Ethnology, 1904, conservato presso la Cornell University Library) l’autore ha raccolto una serie di disegni a opera dei più grandi artisti hopi che raffigurano le molteplici personalità soprannaturali, metodo suggerito da un esame di codici messicani, in particolare il celebre manoscritto del missionario Bernardino de Sahagun (conosciuto come Codice fiorentino) e quello di Chavero Lienzo de Tlascala, pubblicato nel 1802 dal governo messicano.

Gli Hopi sono la popolazione più occidentale degli indiani Pueblo i cui villaggi sono stati…

Equilibrio, esercizio, volontà. Consigli teosofici per il perfetto occultista

Immagine
Alzati presto, appena ti svegli, senza indugiare pigramente nel letto, metà cosciente e metà sognante. Quindi con devozione prega affinché tutto il genere umano sia spiritualmente rigenerato, ché coloro i quali lottano sul sentiero della verità siano incoraggiati dalla tua preghiera e proseguano con maggiore intensità e successo, e ché tu possa uscire rafforzato, e non sottomesso, dalla seduzione dei sensi. “Tu” vuol dire il Sé superiore, “noi” è quello che noi stessi ne facciamo.

«L’occultismo non è magia, ma la magia è un suo strumento», si legge in esergo al volume di H. P. Blavatsky, Practical Occultism, 1939. E ancora: «Occultismo non è acquisizione di poteri, vuoi psichici o intellettuali, ma entrambi sono suoi servitori. Né l’occultismo consiste nella ricerca della felicità, per come gli uomini la intendono, perché innanzi tutto è sacrificio, e poi rinuncia. [...] L’occultismo è la scienza della vita, l’arte stessa di vivere».

Mistica, occultista, mediumHelena Petrovna Blav…

Leggi anche

Più letti della settimana

Estratti di necromanzia pratica

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Vita e gesta del conte di Cagliostro

Tre preghiere romane