L’Argentina restituirà migliaia di artefatti inca all’Ecuador e al Perù

L’annuncio è stato fatto al Museo Nacional de Bellas Artes il 22 agosto scorso dalla presidente Cristina Fernandez de Kirchner, nel corso di una cerimonia pubblica che inaugurava 18 nuove gallerie dedicate all’arte del XX secolo (The Art Newpaper).

Ancora sconosciute l’origine e l’entità degli oggetti, ma il numero si aggira attorno ai 4mila. “È un onore e un piacere”, ha detto de Kirchner, contribuire al benessere culturale di Paesi che in epoca coloniale hanno subìto ogni sorta di furti e ingiustizie; l’anno scorso, l’Università di Yale ha restituito al Perù alcuni oggetti delle sue collezioni. Infine, la presidente argentina ha ricordato che molti grandi musei internazionali espongono oggetti dell’America Latina e di altre parti del mondo, invitandoli a un gesto di responsabilità.

Principessa Inca - La Gran Ñusta Mama Occollo, primi ’800, Denver Art Museum

Commenti

Leggi anche

Più letti di sempre

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

Nonostante nei libri ebraici canonici si sia cercato di eliminare ogni traccia di politeismo e tutti i documenti sacri pre-biblici siano stati distrutti o andati perduti, la Bibbia conserva tuttora importanti tracce di antichi dèi e dee sotto le sembianze di uomini e donne o esseri extra-umani quali angeli, mostri o demoni: Samael, per citare un esempio celebre, sarebbe storicamente il dio di Samal, piccolo regno hittita-aramaico, che nel mito ebraico acquisisce il titolo di “Satana” (nemico) e “grande accusatore” insieme a un altro angelo caduto, “Lucifero figlio dell’alba”, e al serpente ch…

La maledizione di Artemisia, frammento greco-egizio

Datato attorno la fine del IV sec. aev, è uno dei più antichi testi egiziani scritti in greco e proviene da una comunità della Ionia stabilita a Memphis, nel Basso Egitto: nel 332 Alessandro il Macedone era stato incoronato faraone nel tempio di Ptah, e la cultura greca ormai vi dominava.

Comunità di immigrati tra gli ultimi splendori d’Egitto   Il testo è scritto in greco ma di fatto la lingua è l’egiziano, perché potrebbe essere tradotto quasi parola per parola in demotico. Nell’Egitto ormai disgregato del cosiddetto Tardo Periodo, un arco di tempo che comprende le conquiste persiane e mace…

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Avanzavano lentamente [i fanciulli], e , poiché il fumo che s’innalzava dal rogo formava alti vortici, così, visti da lontano, parevano svanire dentro una nube. Nessuno di loro si muoveva, poiché erano legati ai polsi e alle caviglie; il velo nero che li avvolgeva impediva loro di vedere e alla folla di riconoscerli» (Gustave Flaubert, Salammbô, 1862). Ad uno ad uno, i bambini cadevano tra le braccia della statua raffigurante il terribile dio, nel fuoco.


Tra Israele e Cartagine L’ipotesi che presso i cartaginesi si operasse l’immolazione di bambini in onore del dio Moloch è stata ampiamente …

Ianus Pater il più antico degli dèi

Giano annuncia l’anno nuovo e dà inizio a ogni cosa. Fu considerato dai romani come il custode del mondo, preposto alle porte del cielo, cioè all’oriente e all’occidente, della terra e a tutto quello che ha principio e fine. Era raffigurato con due facce, i suoi attributi erano una chiave nella mano sinistra e un bastone nella destra perché egli era guida di tutte le strade e aveva facoltà di aprire e chiudere ogni porta, così come di dar fine a un periodo di pace e inizio alla guerra. Da lui iniziava l’anno che scorre silenzioso (tacite labentis, Ovidio, Fasti, III, 65) senza che i mortali s…