Lilith nell’occultismo moderno


di Riccardo Cecchini (dott. in Storia delle religioni)

L’attuale concettualizzazione di Lilith specie nell’occultismo moderno è influenzata soprattutto dalla sua rappresentazione biblica e da quella mistico-ebraica, che a loro volta presumibilmente attingono alla Lilit mesopotamica. Lilith è citata nei testi biblici (Isaia, 34, 14-5), in testi apocrifi e di mistica ebraica.


Gli apocrifi e la mistica

Lilith è citata nell’Apocalisse Siriaca di Baruc, scritta presumibilmente tra il 70 e il 135 d.C. Qui Lilith compare come un demone proveniente dal deserto. Nei testi di mistica ebraica è citata soprattutto nello Zohar, dove si narra come sia nata nel periodo di oscuramento della luna, quando lo splendore dell’astro notturno non tempera l’oscurità della notte. La relazione tra Lilith e la Luna nera, quando la luna non è visibile nel cielo, corrispondente alla fase lunare detta Luna nuova, è nata quindi dai testi mistici ebraici e si è trasmessa in Occidente fino ai giorni nostri negli attuali ambienti magico-occultistici. Sempre nello Zohar, Lilith appare come la personificazione femminile del lato oscuro e negativo della sessualità: tormenta di preferenza i giovani che sono privi di una sposa o i mariti separati dalle mogli, per esempio durante le soste notturne di un viaggio. Queste caratteristiche, che competono alla sfera sessuale, sono state trasmesse dalla cultura mesopotamica e sono presenti nell’attuale rappresentazione di Lilith nell’occultismo moderno.

La prima donna

Per comprendere la figura di Lilith oggi, come rielaborata soprattutto dai movimenti femministi negli anni 60-70, è bene riassumere brevemente la sua leggenda citata ne L’Alfabeto di Ben Sirah (un libro cabalistico del X sec. contenente una doppia lista di proverbi: ventidue aramaici e ventidue ebraici sistemati in ordine alfabetico, integrato con alcune leggende ebraiche), dove compare per la prima volta come la prima donna della creazione e prima compagna di Adamo. La leggenda narra che Adamo e Lilith non furono mai in pace tra loro, in quanto Adamo voleva accoppiarsi stando su di lei; Lilith, che si proclamava uguale al compagno perché era stata plasmata con polvere come lui, non accettava di mettersi distesa sotto l’uomo. Ma Adamo usò la forza per piegare ai suoi voleri la sua prima compagna; allora Lilith si irritò a tal punto che mormorò il nome sacro di Dio e abbandonò Adamo, volando nell’aria. Adamo si rivolse a Dio, lamentandosi che la sua compagna l’aveva lasciato. Dio ordinò immediatamente ai tre angeli SNWY, SNSNWY, SMNGLF di rintracciarla.

L’epilogo

Gli angeli trovarono Lilith in una regione vicino al Mar Rosso, ove dimoravano innumerevoli demoni dediti alla lussuria, con i quali si accoppiava, concependo più di cento figli al giorno, chiamati Lilim. Gli angeli imposero a Lilith di ritornare subito da Adamo, pena il suo annegamento nel Mar Rosso. Ma la donna rispose che non era più possibile tornare a vivere come moglie onesta di Adamo dopo quello che aveva fatto con i demoni. Gli angeli insistettero: altrimenti sarebbe stata la sua morte. Lilith rispose che non era possibile per lei la morte, in quanto Dio stesso l’aveva incaricata di badare a tutti i neonati maschi sino al giorno della loro circoncisione (ottavo giorno della nascita) e a tutte le femmine fino all’età di venti anni. Così convinse gli angeli a lasciarla, promettendo di risparmiare i neonati se avesse visto su di essi l’amuleto con segnati i loro tre nomi. Allora Dio, per punizione, decise che ogni giorno sarebbero morti cento demoni neonati.

    © tutti i diritti riservati

Commenti

Leggi anche

Più letti di sempre

Nata dalla Luna. Il mito di Lilith nella letteratura ebraica

Nonostante nei libri ebraici canonici si sia cercato di eliminare ogni traccia di politeismo e tutti i documenti sacri pre-biblici siano stati distrutti o andati perduti, la Bibbia conserva tuttora importanti tracce di antichi dèi e dee sotto le sembianze di uomini e donne o esseri extra-umani quali angeli, mostri o demoni: Samael, per citare un esempio celebre, sarebbe storicamente il dio di Samal, piccolo regno hittita-aramaico, che nel mito ebraico acquisisce il titolo di “Satana” (nemico) e “grande accusatore” insieme a un altro angelo caduto, “Lucifero figlio dell’alba”, e al serpente ch…

La maledizione di Artemisia, frammento greco-egizio

Datato attorno la fine del IV sec. aev, è uno dei più antichi testi egiziani scritti in greco e proviene da una comunità della Ionia stabilita a Memphis, nel Basso Egitto: nel 332 Alessandro il Macedone era stato incoronato faraone nel tempio di Ptah, e la cultura greca ormai vi dominava.

Comunità di immigrati tra gli ultimi splendori d’Egitto   Il testo è scritto in greco ma di fatto la lingua è l’egiziano, perché potrebbe essere tradotto quasi parola per parola in demotico. Nell’Egitto ormai disgregato del cosiddetto Tardo Periodo, un arco di tempo che comprende le conquiste persiane e mace…

La lunga storia di Moloch, Signore del fuoco

Avanzavano lentamente [i fanciulli], e , poiché il fumo che s’innalzava dal rogo formava alti vortici, così, visti da lontano, parevano svanire dentro una nube. Nessuno di loro si muoveva, poiché erano legati ai polsi e alle caviglie; il velo nero che li avvolgeva impediva loro di vedere e alla folla di riconoscerli» (Gustave Flaubert, Salammbô, 1862). Ad uno ad uno, i bambini cadevano tra le braccia della statua raffigurante il terribile dio, nel fuoco.


Tra Israele e Cartagine L’ipotesi che presso i cartaginesi si operasse l’immolazione di bambini in onore del dio Moloch è stata ampiamente …

Ianus Pater il più antico degli dèi

Giano annuncia l’anno nuovo e dà inizio a ogni cosa. Fu considerato dai romani come il custode del mondo, preposto alle porte del cielo, cioè all’oriente e all’occidente, della terra e a tutto quello che ha principio e fine. Era raffigurato con due facce, i suoi attributi erano una chiave nella mano sinistra e un bastone nella destra perché egli era guida di tutte le strade e aveva facoltà di aprire e chiudere ogni porta, così come di dar fine a un periodo di pace e inizio alla guerra. Da lui iniziava l’anno che scorre silenzioso (tacite labentis, Ovidio, Fasti, III, 65) senza che i mortali s…